• Ricevo dal Lunedì al Sabato a Roma
  • La B.I.A. impedenziometria

    Il peso non è tutto!  a misurazione della impedenza corporea (Body Impedence Assessment o B.I.A.), è una delle tecniche attualmente più usate ed affidabili per la determinazione della composizione corporea. 

    Si basa sul dato fisico che l’acqua è un buon conduttore di corrente elettrica, mentre il grasso è un isolante quasi perfetto. Poichè la Massa Magra corporea (Fat Free Mass – FFM) è costituita prevalentemente da acqua, determinando il contenuto di acqua dell’organismo, è possibile risalire facilmente al contenuto in FFM, e quindi al contenuto di Massa Grassa (FAT).

    In cosa consiste l’esame?

    L’impedenziometro, che, collegato tramite elettrodi al paziente, misura la resistenza che il corpo oppone al passaggio di una corrente debolissima e ad altissima frequenza (50.000 Hz). Dal valore della impedenza corporea, tramite alcuni algoritmi e con l’ausilio di un computer, si risale al contenuto di acqua corporea, di massa magra, di massa grassa, ed al metabolismo basale del paziente.

    Perché questo esame è così importante?

    Perché ognuno di noi è unico ed è impensabile stilare il corretto regime alimentare di qualcuno senza tale diagnostica.

    Questa è anche la ragione per cui spesso le diete “preconfezionate”, stabilite semplicemente sulla base di altezza, peso e di una generica costituzione fisica della persona, non sono efficaci o possono addirittura risultare dannose: bisogna indagare nel profondo la struttura di ognuno se si vuole davvero redigere una dieta personalizzata adatta, efficace e che non intacchi lo stato di salute psico-fisico.

    Tuttavia può capitare che in alcune condizioni, venga catabolizzata anche la massa muscolare (massa magra), ed il medico deve essere pronto ad arrestare tale processo, modificando la dieta assegnata.

    Vi sono inoltre diverse condizioni in cui il ricambio idrico risulta alterato (la gravidanza, la ritenzione idrica, la disidratazione, la insufficienza renale, l’uso di diuretici nella terapia dell’ipertensione arteriosa, le disfunzioni surrenaliche, le condizioni di denutrizione ecc. ecc.).

    In tali situazioni, la perdita di peso o la mancata perdita di peso, non riflettono necessariamente le variazioni di massa grassa: è possibile infatti che un paziente che non ha perso peso, abbia in realtà perso 1 o 2 Kg di massa grassa, ed abbia aumentato di 1 o 2 Kg. l’acqua corporea. O viceversa, una perdita di 5 Kg di peso, si può rivelare come perdita esclusiva di liquidi, e non di massa grassa (un falso dimagrimento).

    Cosa valuta?

    Diversi parametri vengono valutati durante questo esame, tutti assolutamente necessari e indispensabili per la valutazione dei bisogni nutritivi ed energetici del paziente consentendo la personalizzazione della dieta.

    Tra i dati valutati troviamo:

    Angolo di Fase (PhA)

    Parametro elettrico che esprime la proporzione tra gli spazi intra ed extracellulari. In un essere umano sano il valore di angolo di fase oscilla tra 5 e 7 gradi.

    Acqua Totale (TBW)

    Rappresenta il principale componente del nostro organismo: è il compartimento che rappresenta i fluidi corporei totali presenti nel corpo. Eʼ espressa come percentuale rispetto al peso corporeo; questo compartimento tende a diminuire con lʼetà, a causa della perdita fisiologica di FFM .

    Acqua Extracellulare (ECW)

    L’ acqua extra cellulare (ECW) è composta dai fluidi all’ esterno delle cellule. E’ localizzata principalmente nello spazio intestiziale fra le cellule, all’ interno dei vasi sanguigni, nei tessuti linfatici e nel liquido spinale.

    Massa Magra (FFM)

    Eʼ il compartimento contenente tutto ciò che non è grasso corporeo: comprende lo scheletro, circa il 73% dei fluidi corporei, muscoli, pelle ed organi. Una buona forma fisica presuppone un valore di FFM del 77-85% rispetto al peso corporeo, dipendente dall’ età del soggetto.

    Massa Grassa (FM)

    La Massa Grassa (FM) è un composto costituito dal glicerolo, una sostanza formata dagli acidi grassi, che è utilizzata come concentrato di energia per i muscoli. Una certa quantità di grasso è quindi necessaria sia come riserva energetica sia per il corretto svolgimento dei processi vitali. Un’altra piccola quantità, denominata grasso essenziale, ha una funzione di protezione degli organi interni, ma è importante che questo accumulo non oltrepassi i limiti fisiologici. Una buona forma fisica presuppone un valore di FM del 15-23% rispetto al peso corporeo dipendendo dell’ età del soggetto.

    Massa Cellulare Corporea (BCM)

    E’ la parte metabolicamente attiva dell’organismo che espleta tutto il lavoro funzionale, e il ‘motore’ del corpo in cui avvengono tutti i principali processi metabolici: dal consumo di ossigeno, l’ossidazione del glucosio, alla sintesi delle proteine…. E’ la parte viva ed attiva dell’organismo, un compartimento di cui il corpo umano dovrebbe essere dotato in abbondanza.

    SMM (Skeletal Muscle Mass)

    La Massa Muscolare Scheletrica rappresenta la stima della quantità degli oltre 650 muscoli presenti nel corpo umano. La SMM correla con la funzionalità fisica e con lo stato di salute del soggetto ed è coinvolta in molti processi collegati alla fisiologia, nutrizione, trattamenti medici, prevenzione di malattie e riabilitazione a lungo termine.Secondo il modello multi compartimentale di composizione corporea la SMM rappresenta la componente priva di tessuto adiposo e tessuto osseo più estesa della massa corporea e comprende un compartimento cellulare (BCM) costituito da miotici e cellule connettivali ed un compartimento extracellulare (fluidi interstiziali).Nel soggetto sano adulto, la SMM rappresenta dal 25% al 45% del peso in funzione del genere e della età: nella popolazione sportiva e/o atleta la quantità può superare il 50-55% del peso. I soggetti anziani tendono a perdere fisiologicamente una porzione della massa muscolare, soprattutto negli arti inferiori.

    Metabolismo Basale (BMR)

    Il metabolismo basale (BMR), dall’inglese Basal metabolic rate, è il dispendio energetico di un organismo a riposo, e comprende l’energia necessaria per le funzioni metaboliche vitali (respirazione, circolazione sanguigna, digestione, attività del sistema nervoso, ecc.).